icons/order/deliveryCreated with Sketch. Spedizione gratuita icons/order/return_in_storeCreated with Sketch. Reso gratuito nel negozio icons/order/paymentCreated with Sketch. Tutti i metodi di pagamento in uso
icons/arrows/arrow_default-smallCreated with Sketch.
ochsner-sport-mammut-schichtenprinzip-neutral_h

L’ABBIGLIAMENTO GIUSTO PER IL TREKKING

In montagna il tempo può cambiare rapidamente. Per questo durante le tue escursioni dovresti sempre avere a portata di mano l’equipaggiamento necessario. Continua a leggere per sapere come preparati ad affrontare ogni tempo.

L’idea è di giocare con diversi strati di abbigliamento (vestirsi “a cipolla”) da adeguare alle condizioni meteorologiche o al tipo di attività. L’obiettivo è vestirsi in modo da non avere mai troppo caldo o troppo freddo. Di seguito ti indichiamo i tre (a volte anche due o quattro) strati essenziali. Ovviamente la composizione va adeguata alla stagione. Con gli strati giusti, durante il trekking potrai affrontare sole, vento e pioggia e regolare in qualsiasi momento il tuo clima corporeo. 

Gli strati necessari sono fondamentalmente tre:

... uno strato di base (Baselayer)

... uno intermedio (midlayer, softshell)

... e uno esterno (hardshell).

PRIMO STRATO - BASELAYER

Il primo strato è a diretto contatto con la pelle o comunque aderente al corpo e deve quindi essere gradevole da indossare. Il suo compito è rimuovere l’umidità in modo che il corpo non si raffreddi. Scegli un primo strato con funzione antiodore e ad asciugatura rapida. In questo modo anche durante le attività più intense, in cui si ha una forte sudorazione, resterai caldo e asciutto. Lo strato di base può essere realizzato sia con filati naturali (p.es. lana merino), che sintetici.

SECONDO STRATO - MIDLAYER & SOFTSHELL

Lo strato intermedio (midlayer) ha una funzione isolante e contemporaneamente convoglia l’umidità dal primo al terzo strato, per cui non dev’essere impermeabile all’aria o all’acqua, perché ciò ridurrebbe la sua azione traspirante. Anche questo strato dev’essere in grado di asciugare rapidamente. A seconda della temperatura, si può fare a meno di questo secondo strato o, viceversa, se fa freddo, può essere opportuno aggiungerne un altro. Inoltre il midlayer dev’essere facile da stivare nello zaino.

La giacca softshell è un caso particolare: in base alle condizioni meteo, si può indossare o come midlayer o come shell-layer. Ha una funzione isolante, ma è relativamente buona come antivento. Così è adatta all'uso come terzo strato in caso di tempo poco umido. In caso di forti precipitazioni e temperature basse, si può portare come ulteriore isolante sotto una giacca impermeabile.

TERZO STRATO - HARDSHELL

Il terzo strato ti protegge dal vento e dalle intemperie. Per convogliare all’esterno l’umidità degli strati inferiori, anche questo strato dev’essere traspirante. È antivento e impermeabile o idrorepellente grazie a una membrana speciale. In base alla stagione e al meteo puoi scegliere una giacca antivento, impermeabile o da sci/touring.