Spedizione gratuita
ochsner-sport-schichtenprinzip_2022_pt_d

VESTITI SMART CON L’ABBIGLIAMENTO A STRATI

Senti il richiamo della montagna? È cominciata la stagione del trekking! Prima di ogni escursione ti chiedi come vestirti, come funziona l’abbigliamento a strati di cui tanto si parla e a cosa dovresti prestare attenzione? Continua a leggere e non avrai più dubbi.
TREKKING CON OGNI TEMPO

Con l’abbigliamento a strati non avrai problemi

È tornata la stagione delle escursioni! Una gran quantità di sentieri aspettano solo di essere esplorati. A seconda della temperatura e del tipo di percorso si pone la domanda su come vestirsi. Se si chiede agli esperti o facendo una ricerca online, ci si imbatte spesso in espressioni come «abbigliamento a strati» o «principio della cipolla» o ancora «look a strati». Ma, di quali strati si parla, esattamente, e a cosa bisogna prestare attenzione? Qui ti offriamo una panoramica delle caratteristiche principali dei singoli strati, così che tu possa equipaggiarti in modo ottimale per le tue prossime avventure in montagna.

Come funziona il principio dell’abbigliamento a strati?

Il concetto si spiega da sé: non si indossa solo un capo sopra e uno sotto, ma si crea un outfit composto da diversi strati. Il vantaggio: a seconda del tempo e del grado di fatica, puoi indossare uno strato in più o in meno e regolare di conseguenza la tua temperatura corporea.

Sei arrivato a un passaggio ripido e il sudore ti cola dalla fronte? Non c’è problema, con una maglia multifunzione resti al fresco. Una volta in vetta, soffia un vento gelido? Con la giacca giusta resti al caldo e non rischi di buscarti un raffreddore.

Il principio dei tre strati funziona così:

  1. strato: il baselayer si indossa direttamente sulla pelle, è traspirante e regola l’umidità corporea.
  2. strato: la funzione primaria del midlayer è l’isolamento termico, ossia conservare il calore.
  3. strato: con uno shell layer idoneo si è protetti in modo ottimale da agenti esterni come il vento e la pioggia.
1° STRATO: IL BASELAYER

Il primo strato è la base del tuo outfit da trekking. Rientrano nel baselayer tutti quei capi di abbigliamento che vengono indossati a pelle, come per esempio l’intimo termico o i capi multifunzione. Scopo di questo strato è regolare la tua temperatura corporea - tenerti al fresco quando fuori fa caldo e, viceversa, tenerti al caldo quando le temperature sono rigide. Il baselayer dev’essere il più possibile traspirante ed efficiente nel convogliare all'esterno l’umidità, così anche sui trekking faticosi si resta piacevolmente asciutti.

Il tessuto in fibre artificiali praticamente non assorbe umidità, convogliandola invece all’esterno. Chi preferisce le fibre naturali, può scegliere un baselayer di lana merino o misto merino-Tencel. Entrambe hanno la caratteristica di scaldare o rinfrescare a seconda delle condizioni e sono inoltre naturalmente antiodore. É meglio invece rinunciare al cotone, che assorbe l’umidità e quindi non è indicato per il trekking.